Maurizio Cacciatori incontra gli studenti per promuovere lo sport

Ott 26 2015

VACRI (CHIETI) – Sarà la campionessa di pallavolo Maurizia Cacciatori, palleggiatrice della Nazionale Italiana fino al 2004, ad incontrare mercoledì prossimo, 28 ottobre, alle 9.30 presso il centro sociale di Vacri, i ragazzi delle classi terze della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo di Bucchianico, che raccoglie i plessi di Bucchianico, Vacri e Villamagna, e a parlare loro dell’importanza della scelta della scuola superiore: un confronto che intende favorire l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro e promuovere la formazione e l’orientamento scolastico, che vede fianco a fianco il mondo della scuola e quello dell’impresa. La giornata, che è identificata dal titolo “Allenarsi per il futuro”, infatti è il risultato di un progetto sviluppato da due aziende specializzate in tecnologie e servizi, la Bosch, e in risorse umane, la Randstad, che intendono far comprendere ai ragazzi come intraprendere il cammino verso il futuro, ascoltando la testimonianza di un’atleta che ha fatto dell’impegno un fattore di successo.Maurizia Cacciatori

All’incontro saranno presenti anche i sindaci dei tre Comuni, Piergiuseppe Mammarella di Vacri, Sergio Dario De Luca di Villamagna e Gianluca De Leonardis di Bucchianico.

«Attraverso la metafora dello sport – ha spiegato il dirigente scolastico, Patrizia D’Ambrosio – questo incontro intende trasmettere ai ragazzi l’importanza di compiere scelte scolastiche corrispondenti alle attitudini personali, oltre che alle richieste del mercato, “allenando” il talento per raggiungere gli obiettivi professionali. Un buon percorso di Orientamento, infatti, dovrebbe fornire ai giovani l’opportunità di conoscere meglio se stessi e le proprie inclinazioni e, allo stesso tempo, di avere una visione realistica delle richieste del mondo del lavoro per potersi proiettare in modo consapevole nel proprio futuro professionale, scegliendo il percorso scolastico più coerente con le legittime aspettative di gratificazione personale. Per la scuola è essenziale accompagnare i ragazzi nella crescita della consapevolezza di sé e delle proprie inclinazioni: in questo modo possiamo contribuire alla riduzione della dispersione scolastica, che secondo le statistiche è ancora tra le principali cause della disoccupazione giovanile».

URL breve: http://puntoabruzzo.it/?p=19698

Scritto da il Ott 26 2015. Registrato sotto Città d'Abruzzo. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

300x250 ad code [Inner pages]

Cerca nell'archivio

Cerca per data
Cerca per Rubrica
Cerca con Google
120x600 ad code [Inner pages]
Eikon