Diffamazione a mezzo stampa per gli autovelox: domani udienza dal gup a Vasto

ott 1 2012

VASTO (Chieti) -Domani dinanzi al Gup del Tribunale di Vasto si terrà la prima udienza del processo a carico di Antonio Turdò,  presidente dell’Associazione comitato ProTrignina Abruzzo e Molise. Il processo è scaturito in seguito a denuncia di parte del vigile urbano di Cupello Domenico Profeta, che si ritiene essere stato diffamato a mezzo stampa da parte del presidente Turdò e dal direttore editoriale di San Salvo.net, Antonio Cilli, mentre l’articolo era stato pubblicato dal giornalista Francesco Bottone.

Autovelox sulla Statale 650

Le accuse mosse dal querelante vengono totalmente respinte da Turdò che ribadisce come «era noto a tutti, stampa, automobilisti, forze dell’ordine, polizia stradale e Procura della Repubblica che alcuni vigili dei Comuni che si affacciano sulla Valle del Trigno e che gestiscono gli autovelox lungo la SS 650, avevano ed hanno il vezzo di nascondersi, noi spesso abbiamo ricevuto segnalazioni e proteste reiterate negli anni da parte degli automobilisti. Continuo a dire che non era mia intenzione infangare la dignità e la professionalità di nessuno e tanto meno di Domenico Profeta». Il collegio di difesa del presidente dell’Associazione comitato ProTrignina Abruzzo e Molise è composto da Raffaele Giacomucci di Vasto e Lollino Pasquale di Termoli.

URL breve: http://puntoabruzzo.it/?p=5080

Scritto da il ott 1 2012. Registrato sotto Cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

300x250 ad code [Inner pages]

Cerca nell'archivio

Cerca per data
Cerca per Rubrica
Cerca con Google
120x600 ad code [Inner pages]
Eikon